venerdì , 21 luglio 2017
Breaking News
Download http://bigtheme.net/joomla Free Templates Joomla! 3
Home / Digital Marketing / Quali app per questo 2016?
Quali app per questo 2016?

Quali app per questo 2016?

WayUp ha effettuato un interessante sondaggio su un campione di mille studenti tra i 15 e i 18 anni: gli è stato chiesto di produrre una classifica personale delle dieci app a cui non potrebbe rinunciare di avere sul proprio smartphone.

La ricerca ha confermato alcuni dati prevedibili, ma ha rivelato un futuro fino a poco tempo fa impensabile per il settore della comunicazione mobile.

Facebook rimane al primo posto della classifica dei social network, ma il dato interessante è che Instagram continua a crescere, e in questo 2016 potrebbe addirittura superare il social network blu di casa Zuckerberg. Si gioca tutto in casa, comunque.
Questo preannuncerebbe come l’app Instagram sia tra le migliori app del 2016 per i giovani, di sicuro quella più scaricata e utilizzata.
Personalmente, e questo non è un mistero per nessuno, sono un grande fan di questa applicazione. In questo articolo ti spiego perchè.

Facebook perde un po’ di popolarità, senza considerare Messenger, a cui i giovani preferiscono molte altre applicazioni per intrattenersi in chat, come Kik e Snapchat ad esempio.
Twitter, purtroppo, forse proprio per le ultime scelte effettuate, continua a perdere capacità di attrazione tra i suoi utenti, mentre Snapchat continua ad aumentare considerevolmente di valore.

Secondo il test di WayUp, tra le 10 app che proprio non possono mancare su uno smartphone, ben 7 sono social network.
Un dato che risulta molto significativo e che mette in luce la voglia di socializzare in modo virtuale tra i ragazzi; di crearsi una sorta di alter-ego “social” costruito attraverso selfie, condivisioni e foto di gruppo.

Ecco quindi le 10 applicazioni indispensabili:

  • Facebook
  • Instagram
  • Snapchat
  • Twitter
  • Spotify
  • YouTube
  • Netflix
  • Tumblr
  • GroupMe
  • Pinterest

Un punto davvero interessante in questa classifica riguarda la fortissima ascesa di Netflix, protagonista assoluta nell’ultimo quadrimestre dell’anno appena concluso.
Ti faccio notare che nell’intera classifica, ben 7 applicazioni sono social network e 3 sono app d’intrattenimento.

Per quanto riguarda la messaggistica istantanea, il primo posto va a Snapchat, un particolare sistema di messaggistica temporaneo.
Attraverso Snapchat, infatti, puoi inviare un messaggio con una determinata scadenza, terminata la quale il contenuto che hai inviato viene completamente rimosso, senza lasciare alcuna traccia.
In seconda posizione c’è GroupMe, di Microsoft, in effetti non molto utilizzato qui in Italia.
A ruota si posizionano Gmail (il client di posta elettronica di Google), WhatsApp e Facebook Messenger (app di messaggistica istantanea).
Personalmente preferisco Telegram, qui ti spiego perchè.
I valori di Messenger stanno perdendo terreno nei confronti dei diretti concorrenti nel medesimo settore.

Tra le app dedicate al gioco, immancabili su smartphone Android, iOS e Windows, rimane in testa da ormai 3 anni Candy Crush, seguito da Temple Run ed gli spassosi uccellini della saga di Angry Birds.

Per quanto riguarda la salute il primato va a Fitbit, mentre in ambiente food i giovani si sentono legati particolarmente a Starbucks, app numero uno per quanto riguarda il cibo.
Al secondo posto troviamo invece GrubHub, che ha, in effetti, battuto altre più blasonate applicazioni dedicate al delivery food.

Quali applicazioni per questo 2016?

Conclusioni

Analizzando meglio la ricerca svolta, se da un alto demarca alcuni punti già previsti, come Snapchat tra le applicazioni sociali più popolari, forse dall’altro non deve essere preso alla lettera.

A mio avviso, dobbiamo considerare che il campione preso in esame era di soli 1.000 studenti, provenienti da 250 scuole degli Stati Uniti.
E che i dati sono stati raccolti tra gennaio e dicembre 2015, suddivisi in categorie dove lo studente rispondeva alla domanda: “Quali sono le tue dieci applicazioni preferite?”
Un lasso di tempo quindi che definirei abbastanza limitato, soprattutto considerando la tipologia di domanda presa in esame.
Ed è per questo che mi domando quanto valore possano avere questi risultati rilevati, seppure sicuramente molto accurati, in un così breve periodo di tempo, ai fini di un’analisi su più larga scala.

E’ vero che i cambiamenti in ambito tecnologico sono molto rapidi, ma avvengono sempre in così pochi mesi?
I repentini mutamenti di popolarità, come ad esempio la recente caduta di Snapchat (almeno negli Stati Uniti), sono da considerarsi così affidabili? O sono mutamenti plausibili?
Se pensiamo a Facebook, non possiamo dimenticare i suoi picchi di popolarità, come le sue cadute, ma risulta comunque la piattaforma sociale più utilizzata.

Sono convinto che Snapchat in Italia avrà una grossa crescita in questo 2016, affiancato da Instagram e Pinterest in ambito visual, e Telegram per quanto riguarda l’IM.

Ti lascio spazio nei commenti per darmi il tuo parere e svelarmi le tue app preferite!
A presto!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *